PATRIMONIO

Le serie consultabili

ACTA CARDINALIUM

La serie comprende quattro volumi manoscritti di diverso formato – i primi tre con legatura in pelle, il quarto legato in pergamena – che interessano il periodo tra la riforma del Tribunale operata da san Pio V (1569) e il 1903. Conservano la trascrizione delle principali disposizioni pontificie relative alla Penitenzieria Apostolica (nomina del Penitenziere Maggiore, concessione di facoltà), raccolgono gli atti più rilevanti dei Penitenzieri Maggiori concernenti l’ordinamento del Dicastero e la nomina degli Officiali e dei penitenzieri minori e forniscono, infine, preziose notizie, informazioni e annotazioni sul lavoro del Tribunale, sul personale e sull’archivio stesso.

 

FACULTATES

La serie comprende 27 unità che raccolgono le facoltà concesse dai Pontefici nel corso dei secoli ai Penitenzieri Maggiori. Sono aperti alla consultazione i volumi con segnatura 1 e 6-9.
Il primo volume (APA, Facultates, 1), particolarmente prezioso in quanto riferibile al periodo anteriore alla riforma del Tribunale operata dal Papa S. Pio V nel 1569, si deve alla mano del chierico francese Charles Poullay, Sostituto della Penitenzieria, che nel 1553 ha copiato insieme documenti attinenti il Dicastero a partire dal 1421. Gli atti ivi trascritti concernono le facoltà del Penitenziere Maggiore, ma anche materie relative al personale, alla prassi della spedizione e della tassazione delle lettere, agli abusi denunciati dai Superiori degli Ordini religiosi nei confronti della Penitenzieria nella prima metà del XVI secolo e ai penitenzieri minori.
I restanti quattro volumi aperti alla consultazione (APA, Facultates, 6-9), conservano copie del trattato inedito redatto nel 1697 da p. Siro da Piacenza O.F.M.Ref., Penitenziere Lateranense, a commento della costituzione Romanus Pontifex, promulgata nel 1692 da Innocenzo XII con l’intento di raccogliere sub unica et omnium comprehensiva sanctione le facoltà spettanti al Penitenziere Maggiore, ripetutamente ampliate o limitate dai Pontefici dal tempo della riforma di Pio V. Il religioso, che mise mano all’opera su richiesta del cardinal Leandro Colloredo, analizza e commenta singolarmente ogni paragrafo del documento pontificio, approfondendo nel dettaglio l'estensione e i limiti di ciascuna facoltà.

 

SUPPLICHE

La serie comprende un corpus di 1065 pacchi di suppliche originali, conservati in 413 scatole e concernenti le richieste inoltrate al cosiddetto “ufficio di minor grazia” nel corso del XIX secolo per l’ottenimento di dispense matrimoniali in foro esterno.
Redatte in carta semplice dai procuratori, esprimono secondo un formulario stereotipato la richiesta dei petenti e le eventuali clausole aggiuntive in funzione della concessione del rescritto. In calce al testo della petizione è apposta la menzione dell'approvazione, ripetuta eventualmente anche accanto alle clausole, cui fa seguito quella della data, indicata dal giorno del mese e dall'anno di pontificato.
Al cospicuo materiale del XIX secolo si aggiunge un piccolo quanto prezioso gruppo di suppliche risalenti al XV e XVI secolo, nonché un insieme di suppliche del XVI-XVII "non pertinenti alla Penitenzieria" (APA, Suppliche, 1bis-8bis).

 

REGISTRI MATRIMONIALIUM ET DIVERSORUM

La serie comprende un totale di 760 registri cartacei legati in pelle rosso-bruna e contenenti, in forma abbreviata, il tenore delle suppliche ricevute e delle lettere spedite dalla Penitenzieria Apostolica nell’arco di cinque secoli, dal 1410 al 1890.
I primi 163 registri, relativi al periodo antecedente la riforma del Dicastero operata da S. Pio V (1569), registrano le sole petizioni in arrivo corredate dalla relativa approvazione, mentre a partire dal 1570 i registri di suppliche si alternano a quelli di bolle. Dal pontificato di Sisto V (1585-1590), infine, cessa del tutto la registrazione delle suppliche e si conservano unicamente registri delle lettere spedite.
Le registrazioni sono disposte in sezioni relative alla materia trattata: dalle dispense per gli impedimenti matrimoniali (consanguinitas, affinitas...), che sono in generale le più numerose tanto da costituire, a partire dal XVII secolo, la quasi totalità delle occorrenze, alle assoluzioni dalle censure ed alle dispense dalle irregolarità contratte a seguito di particolari delitti; dalle dispense per le irregolarità che impedivano l’accesso agli Ordini Sacri o l’acquisizione di benefici ecclesiastici (defectus natalium, defectus corporis...) alle litterae confessionales.

 

MATRIMONIALI

La serie dei Matrimoniali comprende la documentazione relativa alle numerose richieste di dispense in re matrimoniali per persone povere (riguardanti soprattutto impedimenti di consanguineità ed affinità di III e IV grado), inoltrate alla Penitenzieria Apostolica nell'arco di tempo che intercorre tra il 1701 e il 1884.
La serie è composta da 1881 faldoni in pergamena, contenenti ciascuno più annate (dal 1701 al 1770), o annate singole, o gruppi di mesi. All'interno di ciascuna unità, le suppliche sono sistemate in ordine alfabetico secondo la diocesi di provenienza.

 

PENITENZIERI MINORI

La serie si compone di 44 unità contenenti documentazione dal XVI al XX secolo sull’attività dei penitenzieri minori che prestavano servizio, sotto l’autorità del Penitenziere Maggiore, nelle quattro Basiliche Papali dell’Urbe (San Pietro in Vaticano, San Giovanni in Laterano, Santa Maria Maggiore e San Paolo fuori le mura) e nelle basiliche fuori Roma (Loreto, Assisi, Padova, Firenze).
Sono disponibili alla consultazione le prime cinque unità. La prima filza (secoli XVI-XVIII) riguarda i Frati Minori de Observantia (sostituiti dai Riformati al tempo di Urbano VIII) in servizio a San Giovanni in Laterano; la seconda (secoli XVI-XVII secoli) concerne invece il collegio dei padri Domenicani di Santa Maria Maggiore, mentre la terza filza (secoli XVI-XVIII) documenta l’attività dei penitenzieri della Santa Casa di Loreto, scelti tra i membri della Compagnia di Gesù. La quarta (secoli XVII-XVIII) e la quinta filza (secoli XVIII-XIX), infine, raccolgono la documentazione dei penitenzieri minori di San Giovanni in Laterano, Santa Maria Maggiore, Loreto, Assisi, Padova e Firenze.
E’ importante sottolineare che ulteriori, preziose informazioni sull’attività dei Penitenzieri Minori si riscontrano anche presso altre serie documentarie.

 

MISCELLANEA "MANGIONO"

Volume manoscritto legato in pergamena intitolato Nonnulla Monumenta Sacrę Penitentiarię.
Nella prima parte, il volume comprende quattro opere di p. Valentino Mangioni S.I. (1573-1660), Teologo della Penitenzieria dal 1634 alla morte, e un’opera di p. Carlo Alberto Tesauro S.I., Penitenziere presso la Basilica Vaticana:

  1. Instructio tripartita pro Officialibus Sacrae Poenitentiariae. Authore P. Valentino Mangiono.
  2. Exemplaria Supplicationum, quae porriguntur Sac. Poenitentiariae. Authore eodem.
  3. Nova Collectio Facultatum Sacrae Poenitentiariae eodem Authore.
  4. Methodus expedita Supplicandi in Sac. Poenitentiaria eodem Authore.
  5. Praxis Sacrae Poenitentiariae. Authore P. Carolo Antonio Thesauro.

La seconda parte del volume, dal titolo: Monumenta Sacrosanctae huius Poenitentiariae antiquissimi Collegij. In quibus habentur nonnullae Summorum Pontificum Constitutiones ac etiam Summorum Poenitentiariorum Decreta in favorem, et formam vivendi Poenitentiariorum Minorum, ac de eorum auctoritate, dignitate, privilegiis, subiectione, institutione, numero, et qualitate, comprende una raccolta miscellanea di numerosi atti, alcuni dei quali risalenti alla storia più antica della Penitenzieria, relativi all’istituzione, al profilo giuridico, alla storia, alla vita comunitaria e alle celebrazioni liturgiche dei penitenzieri minori, con speciale riferimento, in particolare, al Collegio apostolico dei Penitenzieri Lateranensi.

 

MISCELLANEA "BIZZARRI"

La serie è composta da 9 volumi legati in pergamena comprendenti, in originale o in copia, documenti relativi a materie assai disparate. Deriva il proprio nome da quello del Pro-Sigillatore Francesco Maria Bizzarri che mise insieme la raccolta nel 1779, come attestato dal testo di un bifoglio inserito in testa al primo tomo che fornisce il contenuto dei volumi: «Carte interessanti della Sagra Penitenzieria ch’erano disperse, e sono state raccolte, e fatte legare in tanti Tomi come siegue da Francesco Maria Bizzarri Pro-Sigillatore nell’anno 1779».
Sono disponibili alla consultazione i tomi II, V, VII e VIII, che presentano al dorso le seguenti intestazioni:

  • Tomo II: «Miscellanea di Scritture riguardanti il Penitenziere, il Tribunale, e le dispense Matrimoniali raccolte da Francesco Bizarri Prosigillatore della S. Penitenzieria nel 1779. Tomo Secondo».
  • Tomo V: «Miscellanea di diversi atti della S. Penitenzieria raccolti da Francesco Bizarri Pro Sigillatore nel 1779. Tomo Quinto».
  • Tomo VII: «Libri de numero et munere Officialium, et de Iurisdictione Maioris Penitenziarii collecti a Francesco Bizarrio S. P. ProSigillatore. Tomo Settimo».
  • Tomo VIII: «Matrimonialia et Regularia etc.»

Tali intitolazioni sono comunque parziali, essendo il raggio delle materie effettivamente trattate all'interno dei volumi generalmente più ampio di quanto indicato al dorso.

 

MISCELLANEA "DE SACRA POENITENTIARIA"

Volume miscellaneo che raccoglie documentazione riunita insieme nel XVIII secolo in vista di una più agevole conservazione, concernente le seguenti materie:

  • estensione e modalità di esercizio delle facoltà del Penitenziere Maggiore;
  • formulari di Penitenzieria;
  • prassi dell'ufficio nell'espletamento dei casi e nella spedizione delle lettere;
  • nomina di Prelati e Officiali del Tribunale;
  • penitenzieri minori;
  • ufficio di minor grazia.

 

TRATTATO DEL CARD. GIUSTINIANI

Volume manoscritto contenente il De Sacra Poenitentiaria et Maiori Poenitentiario tractatus posthumus del cardinal Giustiniani (1580-1649), membro della Congregazione dell’Oratorio di San Filippo Neri e personalità di vasta cultura e di primo piano nell’ambiente curiale della prima metà del XVII secolo, Penitenziere Maggiore dal 4 dicembre 1647 alla morte (25 luglio 1649). Il testo, a tutt’oggi inedito, è il frutto dell’opera di riordino e sistemazione condotta da Fioravante Martinelli sul materiale raccolto dal cardinal Giustiniani in vista di una futura pubblicazione, ma rimasto allo stato di bozza per la morte del porporato.

 

GIUSTIFICAZIONI DI PAGAMENTI

La serie comprende 35 unità riferibili al periodo 1739-1883 che raccolgono tutta la documentazione giustificativa di spese e pagamenti: conti di dare e avere, emolumenti per il personale, bilanci di entrata e uscita, depositi etc. Oltre a ciò, rilevante è la presenza di tipologie documentarie di per sé estranee al contesto (per es. le cosiddette 'fedi di confessione', le 'fedi di sopravvivenza' o le 'matrimoniali di udienza non spedite'), allegate al materiale contabile per giustificare le spese.

 

DOCUMENTAZIONE DEL PERIODO NAPOLEONICO

La serie comprende la documentazione relativa al periodo compreso tra l'instaurazione della Repubblica Romana (1798-1799) e l'occupazione napoleonica di Roma (1808-1814). I documenti trattano di tutti i temi più significativi in relazione all’invasione francese, quali ad esempio la questione del giuramento dei chierici, la soppressione delle comunità religiose e l’alienazione dei beni ecclesiastici, l’immunità ecclesiastica, la bolla di scomunica del 10 giugno 1809. Tra il 1809 e il 1814 inoltre, con l’abolizione del potere temporale dei papi, si intensificano le questioni legate alla territorialità dello Stato Pontificio. Dopo il 1815, infine, la documentazione testimonia dei problemi legati alla restaurazione, in particolare dei criteri da applicare nei confronti del personale rimasto fedele e di quello che aveva prestato il giuramento.

spalla

CONTATTI

SEDE

Palazzo della Cancelleria
Piazza della Cancelleria, 1
00186 – Roma

 

ORARIO DI APERTURA
Lunedì  9.00-13.00.
Martedì  9.00-13.00; 15.00-17.00.
Mercoledì  9.00-13.00.
Giovedì  9.00-13.00; 15.00-17.00.
Venerdì  9.00-13.00.

 

RECAPITI
Dott. Ugo Taraborrelli
+39.06.69887643
archivio@penitenzieria.va